Sostenibilità

La sostenibilità è una priorità nel clima attuale?

SAP Concur Team |

Mentre gli incontri faccia a faccia e gli eventi internazionali tornano alla vita, i viaggi aziendali sono di nuovo in aumento. Nella corsa al recupero delle perdite di fatturato, tuttavia, la sostenibilità sarà vista come un ticket essenziale per il successo, o semplicemente come un add-on?

Il lento ritorno dei viaggi aziendali internazionali dopo la pandemia, in particolare, potrebbe indicare una certa incertezza sul mercato circa le aspettative future in termini di domanda e spesa. Un messaggio forte e chiaro, tuttavia, è che il faccia a faccia è ancora importante per le imprese. Quasi tre quarti degli intervistati al sondaggio SAP Concur (71%) individuano nelle riunioni con i clienti di persona il fattore chiave per i programmi di viaggi aziendali a livello globale. 

71% identify in-person client meetings as the key driver of global corporate travel programs

Inoltre, eventi, mostre, esposizioni e conferenze di settore — in cui si presenta l'opportunità di fare affari di persona e in rete in modo produttivo con colleghi del settore — costituiscono la seconda motivazione di eccellenza per i viaggi aziendali (64%).

Al giorno d'oggi, tuttavia, non è disponibile alcun libretto di assegni in bianco per i viaggi aziendali. I decisori subiscono una pressione maggiore rispetto a prima, e la maggior parte dei loro bilanci sono stati influenzati negativamente (64%). Anche l'obbligo di dimostrare un ritorno sugli investimenti (ROI) appare ora più importante che mai (65%).

Quindi, nel clima attuale, la sostenibilità sta diventando un'attività inaccessibile?

Relazioni, brand e reputazione

Ci sono ancora forti motivi per rendere sostenibili questi incontri di persona, sia in termini di partnership commerciali che di posizionamento del marchio. Oltre la metà dell'indagine (56%) è considerata un vantaggio fondamentale di un programma di viaggi più sostenibile, grazie alla creazione di relazioni con organizzazioni che condividono le stesse idee. Può contribuire a generare all'esterno una notorietà e una reputazione positiva, che si vede quasi altrettanto potente in termini di motivazione (55%).

A un livello più operativo, gli obiettivi per i programmi di viaggi aziendali risuonano fortemente con gli obiettivi dichiarati del più ampio programma di sostenibilità. La ricerca di SAP Concur evidenzia una percentuale crescente di aziende con obiettivi chiave in materia di risparmio energetico (63%), riduzione della plastica (55%) e riduzione del carbonio (46%). La compensazione del carbonio è un'altra pratica che ottiene consensi (37%).

Objectives driving the sustainability agenda

In effetti, qui sono in gioco sia opportunità di marchio che imperativi commerciali, spiega Pierre-Emmanuel Tetaz, EMEA SVP e General Manager di SAP Concur: “Mentre guardiamo al mondo post-COVID dei viaggi d’affari, una cosa è chiara: dobbiamo rendere l’industria più sostenibile sia per le persone che per il pianeta senza trascurare i profitti. Ma non riusciamo a gestire ciò che non siamo in grado di misurare. Sulla base dei dati, di scelte di viaggio migliori e di un collegamento più chiaro tra viaggi di lavoro e ROI, un viaggio di lavoro sostenibile non sarà più solo un’altra opzione del menu, ma sarà l’unica strada da percorrere.”

Pertanto, il potenziale di allineamento è evidente. Ciò che è meno chiaro è se la realtà delle prestazioni in termini di sostenibilità corrisponda. Insomma, le aziende sfilano le chiacchiere?

I fondi ESG che guidano l'agenda

In linea di principio, l'integrazione dei fattori ambientali, sociali e di governance (ESG) nella strategia aziendale di base è ormai un dato di fatto. Quasi nessun settore può ignorare la forte sterzata che arriva dai mercati finanziari, con un investimento record di 649mld di dollari affondato nei fondi focalizzati sull'ESG lo scorso anno. I fondi ESG rappresentano oggi uno su 10 di tali attivi in tutto il mondo.

Il settore dell'ospitalità sta già sentendo il caldo, afferma Lucia Loposova, direttore esecutivo di GREEN Hospitality, una piattaforma collaborativa senza scopo di lucro per la sostenibilità in alberghi, ristoranti, compagnie aeree, tour operator, aziende, oltre alle supply chain correlate: “Stiamo osservando una tendenza a cercare di restare aggiornati e sicuri nel business adottando strategie di sostenibilità. La forza dietro questo è la richiesta da parte dei partner aziendali e delle loro politiche ESG di applicare questa lente quando si impegnano in viaggi aziendali.”

Come per il più ampio programma per la sostenibilità, tuttavia, è nella pratica che tendono a sorgere problemi. L'adozione di un approccio corretto all'attuazione e alla rendicontazione accurata delle operazioni e dei risultati sembra essere il luogo in cui le organizzazioni cominciano a scarseggiare, e potenzialmente fallo.

Le buone intenzioni ti arrivano solo fino a questo momento, prima che il “greenwant” possa trasformarsi in “greenlaving”.

Conteggio del carbonio nelle supply chain

La serietà dell'intento può essere messa in discussione, ad esempio, nel calcolo dell'impronta di carbonio. Le emissioni sono classificate in tre diversi ambiti, in scope 1, 2 e 3. L'ambito di applicazione 1 comprende le emissioni dirette da fonti possedute o controllate. L'ambito di applicazione 2 comprende le emissioni indirette derivanti dall'acquisto di energia elettrica, calore e vapore. La più impegnativa da valutare, tuttavia, è l'ambito 3, che è quello in cui si trovano tutte le emissioni indirette rimanenti, nella catena di approvvigionamento.

Per quanto riguarda i viaggi aziendali, la necessità di riferire sulle emissioni nell'ambito 3 diventerà un fattore critico per la gestione della supply chain, spiega il professor Xavier Font, direttore del Centro per la sostenibilità e il benessere nell'economia dei visitatori, presso l'Università del Surrey, Regno Unito: "Le società richiederanno alle agenzie di viaggio e ai fornitori di rendere conto dell'impronta di carbonio e che questi fornitori forniscano una riduzione di tale carbonio. Le aziende non vorranno essere scelte per viaggi di alto o basso impatto, ma vorranno semplicemente che i fornitori forniscano la stessa qualità, lo stesso prezzo, la stessa convenienza e la stessa località, ma a un'impronta di carbonio inferiore. E vorranno parametri affidabili sul carbonio che consentano loro di segnalare i progressi compiuti”.

Alla fine, tutto dipende dai dati, aggiunge il professor Font: “Le aziende hanno bisogno di dati per riferire sulle loro emissioni nell’ambito 3. Questi dati devono essere integrati attraverso la supply chain e riportati a queste aziende, e l'accuratezza di questi dati migliorerà mentre diminuiranno i costi di raccolta”. 

Quindi, se i viaggi aziendali sono seri per calcolare e ridurre il carbonio, gestire gli impatti della supply chain è un imperativo. Purtroppo, i risultati dell'indagine evidenziano evidenti omissioni in questa sede.

Meno di un terzo dei gestori dei viaggi considera persino la sostenibilità dei fornitori, quali alberghi, autonoleggio e servizi aerei, quando organizzano viaggi aziendali (30%). Meno ancora, meno di 1 su 4, descriverebbe la propria organizzazione come competente a considerare la sostenibilità dei fornitori terzi nell'equazione dei viaggi (23%).

30% of travel managers consider the sustainability of suppliers

Questi bassi punteggi servono a minare l'idea che l'azione per il clima sia integrata a livello settoriale.

‘Bleisure’ in un’emergenza climatica

Sorprende inoltre la constatazione che i responsabili decisionali attribuiscono maggiore priorità al tempo libero alle imprese, o “bleisure” (41%), rispetto alla sostenibilità dei fornitori terzi (30%), o addirittura alle emissioni di gas serra stesse (29%). 

41% of decision-makers prioritise business leisure when booking corporate travel

Per il settore dei viaggi aziendali, questa combinazione di una riluttanza ad assumersi la piena responsabilità dell'impatto della catena di approvvigionamento, oltre alla tendenza a privilegiare le preferenze per il tempo libero prima delle preoccupazioni globali, inizia a delineare un quadro di un settore che scivola in modo preoccupante.

I risultati evidenziano una mancanza di allineamento con gli obiettivi di sviluppo sostenibile delle Nazioni Unite (OSS) e una disconnessione con la domanda pubblica di responsabilità delle imprese in un'emergenza climatica.

Quindi, come possono i viaggi aziendali cambiare le cose e prendere sul serio la sostenibilità?

Dalla verifica alla visibilità

Nell'equità con chi è in viaggio e ospitalità, la sostenibilità è un concetto complesso e, anche per i professionisti, richiede molta ricerca per navigare, sostiene Lucia Loposova: “Mentre c’è il greenlaving, non tutto è intenzionale. La trasparenza nella filiera resta un problema, ma sta succedendo un po’ di novità che potrebbe semplificare il processo di verifica per l’industria dell’ospitalità”.

Tra le iniziative che hanno colpito il mainstream lo scorso anno c'è stata l'inclusione nei risultati dei motori di ricerca di informazioni sulla sostenibilità degli alberghi, oltre al programma Travel Sustainable e al badge introdotto da Booking.com, a fianco della coalizione Travalyst.

Per le trasferte aziendali, oltre a un'iniezione necessaria di istruzione e leadership, l'utilizzo di strumenti e dati per fornire una visibilità a 360° può migliorare notevolmente la trasparenza del reporting. In questo modo si rafforza la credibilità dei brand e si assiste alla forte pressione dei dirigenti che chiedono l'esecuzione di analisi per rafforzare il processo decisionale e la pianificazione strategica.

Se un'organizzazione vuole che i suoi dipendenti facciano scelte buone e migliori, allora ha essenzialmente bisogno sia di responsabilizzarle che di equipaggiarle di conseguenza, conclude Pierre-Emmanuel Tetaz: “Le imprese devono fare affidamento sui loro dipendenti affinché adottino le giuste abitudini quando si tratta di viaggi sostenibili. Ciò può includere tutto, dalla limitazione dei viaggi ai viaggi necessari per ridurre l'impronta ecologica del lavoratore, fino alla proposta di un alloggio più sostenibile tra le opzioni per i viaggiatori d'affari.

“Detto questo, le aziende devono anche capire cosa incoraggerà i dipendenti ad adottare pratiche più ecologiche, e non fare così tanto affidamento sulla politica aziendale. Nella nostra indagine abbiamo riscontrato che gli europei considerano gli strumenti per valutare la sostenibilità delle opzioni di viaggio e alloggio, più i dirigenti di alto livello che danno l’esempio, come le due attività di sensibilizzazione più incisive.”

La buona notizia che emerge dai risultati del sondaggio è che la percentuale di responsabili decisionali dei viaggi aziendali che ora preferiscono l'utilizzo degli strumenti è aumentata in modo significativo rispetto all'ultima ricerca SAP Concur nel 2020, balzando al 42%, raggiungendo il 63% nel 2022.

Questo clima di entusiasmo per il rigore tecnologico alla base del reporting è la chiave per il rilancio delle ambizioni di sostenibilità da parte del settore dei viaggi aziendali. 

Sostenibilità
La sostenibilità diventa un principio aziendale fondamentale
Le autorità di regolamentazione e i mercati stanno monitorando i passi delle organizzazioni verso il raggiungimento di obiettivi sempre più necessari e sempre più critici di riduzion...
Continua a leggere
Sostenibilità
Sulla strada della sostenibilità
Le opzioni esistenti di mobilità elettronica va da autobus e barche alle biciclette elettroniche e forse alle tavole elettroniche Il futuro  comprende velivoli elettrici e dirigibili...
Continua a leggere
Sostenibilità
I viaggi sostenibili sono il futuro
Quando ti sei diplomato alle superiori eri determinato a cambiare il mondo Beh il mondo ti sta finalmente dando una possibilitàSalvare il pianeta non è più un semplice slogan si tra...
Continua a leggere